<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Sodexo Benefits Blog

Come gestire le differenze generazionali al lavoro

Senza-titolo-3

Premiare e motivare le diverse generazioni di dipendenti nel posto di lavoro: davvero ci sono differenze incolmabili tra Tradizionalisti, baby Boomers, Gen Xers e Millenials? O sono solo gli stereotipi a dividerli?

I media popolari ci dicono che i posti di lavoro oggi, con 4 generazioni – che diventeranno 5 – che lavorano fianco a fianco, sono dilaniati al loro interno dai conflitti che nascono dalle differenze generazionali.

Per aiutarci a decidere una volta per tutte su quale sia la verità su queste affermazioni, Karine Lienhard, vice Presidente Marketing di Sodexo Benefits&Rewards Services, ci ha fornito una visione d’insieme riguardo un recente studio Sodexo, e il direttore esperto in generazioni del Wharton School’s center for human resources, Peter Cappelli ha fatto una chiacchierata con noi per approfondire l’argomento.

In un posto di lavoro possono convivere lavoratori di diverse generazioni: esiste un terreno comune fra loro, al di là degli stereotipi?

Sentiamo spesso stereotipi sulle varie generazioni: i Millenials sono viziati e fanno molte richieste, la generazione X è scettica e negativa, i Baby Boomers vivono per il lavoro, i tradizionalisti si sono persi la tecnologia.

Può sembrare facile accettare queste generalizzazioni molto ampie(assolute); se però indaghiamo a fondo, troviamo che queste generazioni hanno molto in comune, specialmente in termini di aspettative di qualità della vita sul posto di lavoro.

Infatti, Sodexo Benefits&Rewards Services ha condotto uno studio in cinque nazioni confrontando Millenials e non-Millennials sul posto di lavoro e ha evidenziato che le prime sei aspettative per ogni gruppo sono esattamente le stesse (sicurezza e protezione per il futuro, salute e famiglia, gestire con equilibrio vita lavorativa e tempo libero, riconoscimenti economici come contributo personale, fare carriera, scadenze regolari e sempre in aggiornamento, crescita personale dentro e fuori dal posto di lavoro).

“È veramente incredibile” dice Lienhard. “quando abbiamo deciso di fare questo studio, pensavamo ci sarebbero state molte differenze tra bisogni e aspettative dei dipendenti di diversi stati. In conclusione invece, abbiamo trovato che ciò è falso (non ce ne sono!). Ci sono moltissime similitudini da nazione a nazione. I bisogni dei lavoratori in India non sono differenti da quelli della Polonia o degli Stati Uniti”.

I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord, sono arrivati alle stesse conclusioni quando i loro studi hanno rivelato che Millenials, Gen X e Baby Boomers cercano tutti un buon equilibrio vita/lavoro, la possibilità di lavorare a progetti sfidanti, l’opportunità di crescere professionalmente, il trattamento equo e la compensazione competitiva.

In modo simile, una ricerca del 2015 dell’IBM Institute for Business Value ha messo inche le differenze tra le generazioni sono realmente esigue– sostenendo che esse condividono gli stessi fattori motivazionali e le stesse opinioni riguardo il posto di lavoro.

Attenzione alle varie fasi della vita del lavoratore e al work-life balance

In accordo con gli esperti in ambito di generazioni, le differenze che vediamo tra i vari impiegato di un posto di lavoro hanno molto più a che fare con le rispettive aspettative individuali piuttosto che con quelle di un’intera generazione. Inoltre, queste differenze tendono a coincidere maggiormente nella prima fase della vita piuttosto che più avanti negli anni.

“Una differenza generazionale implica qualcosa che riguarda i membri di una cerchia che dura per tutto il resto della vita. Ma ci sono molte evidenze che dimostrano che le differenze sul posto di lavoro non sono generazionali” afferma Cappelli.

In altre parole, questo concetto di fasi, e non età, è abbastanza importante quando le aziende riflettono su cosa motiva il dipendente individualmente nel posto di lavoro.

Dice Cappelli: “Quando i lavoratori iniziano le loro carriere, si aspettano determinate cose, specialmente opportunità di imparare e crescere. A metà delle loro carriere (perché sono tipicamente bisogni della famiglia) necessitano di soldi e stabilità; fino alla fine delle loro carriere, in cui cercano qualcosa di ancora diverso, spesso l’arricchimento personale”.

Un aspetto del mondo del lavoro di oggi che sembra unire tutti – sia generazioni che culture – è il bisogno di un maggior bilanciamento tra vita e lavoro. È anche un tema ricorrente negli studi Sodexo – e per ovvie ragioni importante per tutti.

“C’è un effetto incerto (sfocato) che sta rompendo i confini tra lavoro e tempo libero, ed è il fatto di essere sempre connessi dice Lienhard. “Quindi i dipendenti stanno cercando un modo per gestire il loro tempo e trovare un maggior bilanciamento che compensi il fatto di essere sempre connessi. Le aziende hanno bisogno di tenere conto di questo nell’organizzare le loro strategie di riconoscimenti e premi”.

Come motivare una forza lavoro multigenerazionale? Meglio personalizzare che standardizzare

Per fare in modo che le aziende abbiano veramente successo nel coinvolgere una forza lavoro multigenerazionale, devono andare oltre gli stereotipi e conoscere a fondo i loro dipendenti, capire le aspettative della loro qualità della vita e scoprire ciò che li motiva.

Da lì, l’organizzazione può creare offerte su misura invece di politiche di copertura standardizzata.

“Una chiave di lettura che emerge dalle nostre survey è che i dipendenti vogliono essere visti come una persona in tutto e per tutto, - con hobby e interessi personali – non solo come qualcuno che conta dalle 9 alle 5” dice Lienhard.

Il lavoratore è una persona: la soluzione di Sodexo per una maggiore considerazione dei propri dipendenti

Sodexo ha trovato un modo per prendere in considerazione ciascun individuo grazie alla sua ampia offerta di benefit per i dipendenti.

Il programma di riconoscimento Sodexo è basato sugli interessi, le sfide e le priorità dei dipendenti e consente loro di scegliere i premi – sia su pacchetti culturali, sia su pacchetti di salute e benessere. Queste opportunità e flessibilità sul posto di lavoro non devono incontrare solo i bisogni di diverse generazioni, ma devono dare a tutti i dipendenti la libertà di crescere e svilupparsi.

La diversità generazionale che è così forte nella forza lavoro di oggi, richiede alle aziende di intraprendere un lavoro scrupoloso di ricerca e attenzione per capire ciò che conta di più per i dipendenti. Conoscendo a che punto della loro carriera lavorativa e della vita si trovano i dipendenti e i loro bisogni correlati dice Leinhard, “possiamo aiutarli a creare una forza lavoro multigenerazionale felice e ben compensata”.

Cappelli aggiunge: “Il più grande punto a riguardo di questo argomento, su cui non ci sono dubbi, è che se ci fossero delle differenze medie tra gruppi di età nei loro valori, loro sarebbero irrilevanti per i datori di lavoro. Perché? Perché le medie mascherano le variazioni elevate tra ogni età del gruppo. Sai di cosa dovresti veramente preoccuparti? L’essere ossessivi riguardo alle differenze che non esistono negli interessi tra giovani persone quando ignoriamo del tutto gli interessi della forza lavoro più matura e in crescita”.

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti