<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Sodexo Benefits Blog

Da grande voglio fare…il growth hacker!

#11 growth hacking

Non è vero che il futuro e l’innovazione non offrono opportunità di lavoro! Anzi, ci sono nuove professioni che mancano di candidati ideali. Il growth hacker è una di queste.

Nella realtà italiana i media puntano molta attenzione sulla disoccupazione giovanile.

Si parla meno del fatto che il settore digitale cerca sempre più persone, e in Italia il 22% di queste richieste non trova candidati adatti.

Secondo l’Eurostat l’Italia è il paese in cui la percentuale di giovani sotto i 35 anni impiegati nel settore ICT è più bassa: se la media europea è del 36,4 %, il nostro paese è fermo al 25,4%.

Modis Italia ha pubblicato da poco uno studio in cui ha parlato di digital mismatch, ossia l’esistenza di un gap tra numero di profili professionali ricercati dal mercato e persone in grado di rispondervi, con una grossa carenza di queste ultime.

Ma quali sono le competenze richieste dal settore ICT? Si richiede ai candidati di essere esperti nell’analisi dei dati, sviluppo dei software, digital marketing, design, user experience ed e-commerce.

Ma c’è una figura, negli Stati Uniti presente da tempo e in Europa ancora poco conosciuta, che deve avere tutte queste qualità fuse insieme in un equilibrio perfetto: questa persona è il growth hacker.

Cos’è un growth hacker?

Non esiste un termine italiano specifico per tradurre questo termine; anche il classico “marketer” non gli si addice, come non è esaustivo l’uso comune della parola hacker come “pirata del web”.

Il nome di questa nuova professione è stato inventato nel 2010 da Sean Ellis per indicare ciò che lui stesso faceva in modo inimitabile: far crescere le Startup della Silicon Valley esponenzialmente in pochissimo tempo. Per intendersi, è lui ad aver fatto diventare Dropbox il colosso che conosciamo oggi.

Nel 2010, capitò che Ellis dovesse trovare qualcuno che lo sostituisse in una startup, e mise annunci per cercare un marketing manager. Così facendo, però, si rese conto che chi si presentava al colloquio non esprimeva le caratteristiche che servivano.

Coniò così il termine di growth hacker e lo definì con queste parole:

“A growth hacker is a person whose true north is GROWTH”.

Ovvero, una persona il cui vero scopo è la CRESCITA.

Vista la definizione e la storia da cui è nato il termine, si può capire perché sia così recente e strettamente collegato al mondo delle startup.

Una startup, infatti, se da una parte è circondata da un alone romantico perché viene vista come seme di innovazione, in realtà deve fronteggiare degli ostacoli molto concreti:

  • il tempo limitato a disposizione per “sfondare”
  • la conseguente incertezza sul proprio futuro
  • il market fit ancora in definizione
  • target ancora non ben identificato
  • la necessità di crescere del 200% ogni anno per scongiurare il pericolo di scomparire
  • diversità di risorse ed equipaggiamento rispetto a un’azienda tradizionale
  • rispondere a finanziatori che credono nel progetto.

Ecco dunque spiegata l’inadeguatezza dei marketing manager, che pure in un’azienda “normale” sono comunque insostituibili, e la necessità di una figura che sappia sfruttare tutti gli elementi in suo possesso col solo e unico scopo di un’espansione potente e in breve tempo. Questo avviene sfruttando in particolare il terreno che per le startup è il più fertile, ovvero il web e tutto ciò che vi si collega.

Rispetto a un marketer tradizionale, che ha un ampio spettro di funzioni e lavora anche con pubblicità, PR e prodotti per la maggior parte tangibili, il pane quotidiano del growth hacker sono per lo più prodotti informatici, traffico, tracciamento, analisi dei dati e conversioni: deve perciò possedere competenze di programmazione, informatica nonché… creatività e capacità di immedesimazione col cliente.

Sì, perché gli esempi più famosi di un growth hacking di successo sono stati proprio quelli in cui il motivo di propagazione del prodotto è stato posto all’interno del prodotto stesso sfruttando la fiducia del cliente: in questo modo, egli viene reso promoter in prima persona, rendendo partecipe la sua community che diventa un ottimo bacino di nuovi clienti e contatti, permettendo un’espansione a macchia d’olio.

Vediamone qualcuno:

  • PayPal: nei primi mesi di vita dell’azienda, divenne evidente un dato: acquisire un nuovo cliente rendeva meno di ciò che costava cercarlo. Si pensò perciò di usare i soldi perduti regalandoli al cliente che avesse portato un amico in PayPal. In questo modo il costo di acquisizione rimase comunque alto, ma la crescita divenne esponenziale.
  • Hotmail: ora è stata acquistata da Microsoft, ma all’inizio nacque come progetto privato di due sviluppatori che volevano una soluzione email che non avesse bisogno di un client desktop. Nella prima fase di espansione, il servizio era gratuito, ma sotto la firma di ogni mail inviata doveva essere presente la frase: “PS- I love you- Why don’t you get an account on Hotmail?”. Ovviamente quest’ultima frase era un link diretto a una landing page apposita.

Insomma il growth hacker sembra proprio una professione appassionante… chi svolge questa funzione nella tua startup?

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti