<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Sodexo Benefits Blog

Flexible benefit: i ticket elettronici

#54 Ticket elettronici

Se stai pensando a un piano di welfare aziendale, i flexible benefit sono uno strumento importante per vari motivi; in particolare, i ticket elettronici si sono man mano dotati di molti vantaggi: scopri quali!

I flexible benefit sono servizi o beni non monetari che le aziende possono fornire ai lavoratori in aggiunta allo stipendio: questa definizione è molto semplice e chiara, ma non contiene dentro di sé tutti i positivi effetti che i flexible benefit possono portare con sé nella vita di un’azienda e di chi li riceve.

Essi infatti non hanno solo la funzione di essere un “contentino” o un “premio”, ma sono veri e propri incentivi alla qualità della vita di ciascun lavoratore. In che modo?

Innanzitutto, i flexible benefit sono uno strumento libero da carichi contributivi ed impositivi: sono quindi beni che non contribuiscono ad appesantire ulteriormente il cuneo fiscale (ovvero il complesso di tasse e contributi di pertinenza sia del dipendente che dell’azienda).

Proprio per questo, contribuiscono da una parte ad aumentare il potere d’acquisto dei dipendenti, e quindi a migliorarne il benessere, sia a livello personale che familiare. D’altronde questo positivo effetto non va a incidere in modo eccessivo sulle spese del datore di lavoro, e permette un rapporto più proficuo con i sindacati, nonché un aumento della fiducia in azienda e della motivazione fra i dipendenti.

È possibile erogare flexible benefit senza che questi contribuiscano ad aumentare il reddito e quindi le imposte, in caso di:

  • contrattazione territoriale
  • CCNL
  • atto unilaterale del datore di lavoro
  • accordo interconfederale
  • contrattazione aziendale, in accordo con i rappresentanti sindacali.

Ma, in concreto, in cosa consistono i flexible benefit?

Gli ambiti da cui poter scegliere un servizio o un bene da “offrire” ai propri dipendenti sono tanti; per operare una scelta coerente con i bisogni della propria popolazione aziendale, e quindi raggiungere veramente gli obiettivi di benessere e fiducia che prima abbiamo spiegato, è importante indagare e intercettare quali siano questi bisogni.

In genere, quelli più “gettonati” sono questi:

  • corsi di formazione
  • previdenza complementare
  • assicurazione sanitaria
  • rimborso spese scolastiche
  • buoni acquisto
  • buoni carburante
  • voucher per il pasto.

In particolare, in questo articolo approfondiremo questi ultimi, ovvero i buoni pasto: in che modo questi benefit, diffusi in Italia sin dagli anni ‘70, si sono evoluti proprio negli ultimi tempi e hanno conosciuto nuove frontiere di uso e convenienza.

Buoni pasto “classici” e ticket elettronici: caratteristiche e vantaggi

I buoni pasto nascono come voucher consegnati dai datori di lavoro in sostituzione del servizio di mensa, e consistono in un titolo di pagamento dal valore stabilito dallo stesso datore di lavoro.

Il 2017 è stato un anno importante per questi voucher: dal 9 settembre, è possibile usarne fino a 8 alla volta, e possono essere accettati anche da agriturismi e artigiani: infatti la legge parla esplicitamente, oltre alla somministrazione di alimenti e bevande, anche di cessioni di prodotti alimentari pronti per il consumo. All’interno di questi sono compresi dunque anche imprese artigiane (come pasticcerie), coltivatori diretti e imprenditori agricoli, supermercati e agriturismi.

Come già detto, essendo flexible benefit, i buoni pasto consentono l’esenzione da contributi INPS e IRPEF. Per quanto riguarda invece la detraibilità IVA valgono le seguenti coordinate:

  • Aziende: l’IVA è detraibile sui ticket elettronici, mentre rimane indetraibile sui buoni cartacei.
  • Persone giuridiche IRES: sia in versione cartacea che elettronica, i buoni pasto sono deducibili al 100%.
  • liberi professionisti: per aziende individuali, titolari d’azienda e soci, è possibile una detrazione IVA al 10% sui ticket elettronici.

Inoltre, da qualche tempo i classici ticket hanno subito un’importante evoluzione: non sono infatti più diffusi solamente i classici “blocchetti” cartacei, ma è possibile anche usare tessere elettroniche fornite di microchip.

In particolare, la “versione elettronica” dei buoni pasto ha uno specifico vantaggio: ha infatti un valore esentasse che dal 1° luglio 2015 è passato da 5,29 euro (il valore che è rimasto tale nei ticket cartacei) a 7 euro: causa di questa facilitazione è stata la volontà di rendere le transazioni più veloci e sicure.

La “carta” su cui vengono caricati gli importi dei ticket elettronici, infatti, se smarrita può essere bloccata, mentre la perdita del buono cartaceo comporta la perdita effettiva dell’importo.

I vantaggi dei buoni pasto elettronici non sono solo questi: se vuoi saperne di più, scarica il nostro ebook con tutte le info sui buoni pasto.

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti