<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Sodexo Benefits Blog

Pillole di welfare: esempi di servizi e benefit aziendali

Pubblicato il: 05.03.19 - Tempo di lettura: 3 minuti

benefit aziendaliLe aziende che hanno attivato o stanno per attivare iniziative di welfare in Italia sono in crescita, con l’obiettivo principale di migliorare il benessere dei collaboratori e delle loro famiglie. I benefici che ne derivano coinvolgono però anche l’ambito dei costi aziendali che possono risultare ottimizzati, grazie ai vantaggi fiscali previsti dalle normative.

In questo nuovo articolo della rubrica Pillole di Welfare, vedremo alcuni esempi di servizi e benefit aziendali, con un piccolo focus su:

  • benefit più diffusi e desiderati
  • vantaggi fiscali
  • welfare nei CCNL

Quali sono i benefit aziendali più diffusi in Italia?

Per rispondere a questa domanda riportiamo i dati raccolti dall'indagine IPSOS che ha analizzato le rispose di un campione di 800 collaboratori privati.

I benefit aziendali più diffusi tra le imprese italiane sono i buoni pasto, per il 70% degli intervistati, i dispositivi tecnologici, per il 38%, e le assicurazioni medico-sanitarie integrative, per il 36%.

La stessa indagine ha evidenziato come i benefit aziendali più desiderati vadano ulteriormente nella direzione del sostegno alla famiglia (per il 59% del campione intervistato), del benessere (per il 54%) e dei servizi legati allo shopping (per il 52%).

Procediamo con ordine e analizziamo meglio i desideri degli italiani rispetto ai servizi e ai benefit aziendali attivabili, sia in modo flessibile, sia all'interno di iniziative di welfare strutturate.

Nell'ambito del sostegno alla famiglia rientrano le spese per l’istruzione dei figli (libri, rette scolastiche e campi estivi) i servizi di baby-sitting e l’assistenza agli anziani o non autosufficienti a carico. Nel caso in cui l’azienda preveda l’introduzione di una piattaforma welfare dedicata, è possibile richiedere il rimborso in modo semplice e autonomo per questa tipologia di spese, sostenute per sé o per un altro componente del nucleo familiare. 

welfare aziendale eBook gratuito

 

L’aspetto del benessere comprende anche la salute e si può concretizzare in rimborso delle spese mediche, convenzioni con strutture per effettuare visite specialistiche, ma anche viaggi, attività ludiche e abbonamenti in palestra.

Nei desideri indicati dal 52% degli intervistati nella ricerca IPSOS, troviamo anche i benefit aziendali legati allo shopping, come i buoni acquisto.

Abbiamo visto, fin qui, i vantaggi più apprezzati e i servizi desiderati dal punto di vista dei collaboratori; da quello delle aziende, tuttavia, sono diverse le opportunità da cogliere nella scelta di intraprendere iniziative di welfare. Vediamo quali sono, nel prossimo paragrafo.

Vantaggi fiscali e opportunità per le aziende

L’introduzione di benefit aziendali e servizi di welfare attiva un vero e proprio circolo virtuoso, nel quale il benessere, la motivazione, la soddisfazione, le performance, la fidelizzazione dei collaboratori e la capacità di attrarre nuovi talenti si alimentano l’uno con l’altro.

benefit aziendali e welfare - vantaggi

E i vantaggi per le imprese non si limitano a un maggiore coinvolgimento delle persone: il numero di servizi welfare che risultano esenti a livello contributivo e fiscale è aumentato a valle dell’intervento normativo della Legge di Bilancio 2018 sull'articolo 51 del TUIR.

Dalle Leggi di Stabilità 2016 e ‘17 è infatti possibile convertire i premi di produttività in servizi di welfare, accedendo a una tassazione agevolata per l’azienda e i suoi collaboratori che nel caso scelgano questa opzione non devono corrispondere nemmeno l’imposta agevolata pari al 10%. Convertendo i premi aziendali in beni e servizi welfare, quindi, il cuneo fiscale si azzera completamente e il collaboratore percepisce integralmente l’importo del premio, senza distinzione fra somma lorda e netta.

Inoltre, ricordiamo che alcuni Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro, nello specifico Metalmeccanici Industria e PMI, degli Orafi e Argentieri, Telecomunicazioni e Personale non medico delle Case di Cura (aggiornamento alla data di pubblicazione - marzo 2019), prevedono per le aziende l’obbligatorietà di mettere a disposizione dei collaboratori strumenti di welfare per un valore differente per CCNL.

Se vuoi saperne di più? Scarica la guida gratuita al welfare nei CCNL!

Tra le soluzioni di immediata attivazione, troviamo i buoni acquisto che come abbiamo visto in precedenza risultano anche tra i benefit più desiderati dagli intervistati da IPSOS.

Pass Shopping fa parte dei servizi erogabili come benefit ed è escluso dalla base imponibile del reddito da lavoro dipendente nel limite del valore di € 258,23 per periodo d’imposta per dipendente (Art. 51 comma 3 del T.U.I.R.). Il buono acquisto è la soluzione ideale per adempiere in modo semplice e veloce alle disposizioni dei CCNL in materia di welfare aziendale.


Offri ai tuoi collaboratori la massima libertà di scelta! Con lo stesso buono, potranno scegliere tra lo shopping online sulle principali piattaforme di eCommerce e gli acquisti offline in oltre 9.000 punti vendita in tutta Italia nei settori abbigliamento, elettronica, viaggi, carburante e non solo.

In questo modo, i bisogni dei collaboratori e la volontà delle aziende di soddisfarli, incrementando allo stesso tempo motivazione, engagement e performance, incontrano la normativa fiscale e contrattuale in materia di welfare.

Vuoi conoscere tutte le soluzioni dedicate al benessere dei collaboratori e i vantaggi previsti per le imprese! Clicca qui sotto, ti offriamo una consulenza personalizzata.

Consulenza Sodexo Benefits & Rewards

 

Argomenti: welfare aziendale, benefit aziendali, welfare rinnovi CCNL, pillole di welfare

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti